• Ministero dell'Interno
  • G.U. n. 99 del 22/12/2015
  • 320 Posti di Allievo Vice Ispettore del ruolo degli Ispettori della Polizia di Stato.

  • -
  • Titolo di studio: Diploma di Scuola Superiore
  • Scadenza domanda: 22/01/2016
  • Data e sedi d'esame
    La prova scritta si svolgerà il 12 ottobre 2016 presso l’Ergife Palace Hotel, sito in Via Aurelia n. 619 – Roma, come pubblicato sulla G.U. del 9 settembre 2016.
    Eventuali variazioni riguardanti la sede, la data e l’ora della citata prova scritta saranno pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 4 ottobre 2016.
  • Prova preselettiva:
    Nel caso in cui il numero delle domande di partecipazione sia superiore alle cinquemila unità, verrà effettuata una prova preselettiva, volta a determinare il numero dei candidati da ammettere alle successive prove.
    La prova preselettiva è effettuata per gruppi di candidati divisi per sedi, nei giorni e nell’ora che verranno pubblicati successivamente.
    La prova è articolata in quesiti a risposta a scelta multipla, diretti ad accertare la conoscenza delle seguenti discipline:
    diritto penale, diritto processuale penale, diritto costituzionale, diritto amministrativo e diritto civile.
    I quesiti concernenti le sopraindicate discipline saranno pubblicati quarantacinque giorni prima della prova preselettiva sul sito Internet della Polizia di Stato http://www.poliziadistato.it, in ragione di mille per ciascuna materia e per un totale di 5.000.
    Ciascun quesito viene elaborato predisponendo un’unica domanda con 4 risposte, delle quali una sola è esatta.
    I quesiti hanno un grado di difficoltà di 1, 2 e 3, in relazione alla natura della domanda che è rispettivamente facile, di difficoltà media e difficile.
    L’attribuzione del punteggio alle singole risposte è differenziato in rapporto al grado di difficoltà della domanda.
    • Prova scritta:
    • La prova scritta consiste nella stesura di un elaborato vertente su elementi di diritto penale ovvero di diritto processuale penale, con eventuali riferimenti al diritto costituzionale.

    • Prove di efficienza fisica ed accertamenti psico-fisici:
    • Tutti i candidati che hanno superato la prova scritta saranno sottoposti alle prove di efficienza fisica volte ad accertare il livello di preparazione atletica ed agli accertamenti per l’idoneità fisica, psichica ed attitudinale, nella sede, nei giorni e nell’ora che saranno preventivamente comunicati.
       

    • Accertamenti attitudinali:
    • I candidati che superano le prove psico-fisiche sono sottoposti alle prove attitudinali da parte di una Commissione di selettori, nominata con decreto del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza e composta da un funzionario del ruolo dei dirigenti tecnici psicologi, che la presiede, da quattro appartenenti al ruolo dei direttori tecnici psicologi o al ruolo dei commissari della Polizia di Stato, in possesso dell’abilitazione professionale di perito selettore attitudinale.
      Le prove attitudinali sono dirette ad accertare l’attitudine del candidato allo svolgimento dei compiti connessi con l’attività propria del ruolo degli ispettori. Consistono in una serie di test, sia collettivi che individuali, ed in un colloquio con un componente della Commissione. Su richiesta del selettore la Commissione può disporre la ripetizione del colloquio in sede collegiale.

    • Colloquio:
    • Il colloquio, oltre che sulle materie oggetto della prova scritta, ivi compresi gli elementi di diritto costituzionale, verte sulle seguenti materie:
      a) nozioni di diritto amministrativo, con particolare riguardo alla legislazione speciale in materia di pubblica sicurezza;
      b) diritto civile, nelle parti concernenti le persone, la famiglia, i diritti reali, le obbligazioni e la tutela dei diritti;
      c) lingua straniera prescelta dal candidato tra quelle indicate nel presente bando di concorso;
      d) informatica.
      L’accertamento della conoscenza della lingua straniera consiste nella traduzione (senza l’ausilio del dizionario) di un testo ed in una conversazione.
      La prova orale di informatica è diretta ad accertare il possesso, da parte del candidato, di un livello sufficiente di conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse, in linea con gli standard europei.

  •  
     
  • Condividi sul tuo social

Volumi per il Concorso

articoli correlati

22/11/2016

800 Assistenti giudiziari: ecco il bando

Pubblicato in Gazzetta ufficiale

18/11/2016

In Gazzetta Ufficiale il decreto per 1000 nuove assunzioni nelle cancellerie

Pubblicato il decreto che dà il via al concorso esterno per cancellieri