• Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri
  • G.U. n. 23 del 22/03/2019
  • Concorso 3700 Allievi Carabinieri

  • -
  • Titolo di studio: Licenza media
  • Scadenza domanda: 21/04/2019
  • Data e sede d'esame

    La prova preliminare sarà verosimilmente svolta a partire dal 2 maggio 2019.
    L'ordine di convocazione, la sede, la data e l'ora di svolgimento saranno resi noti, con valore di notifica a tutti gli effetti e per tutti i concorrenti, a partire dal 24 aprile 2019, mediante pubblicazione nel sito internet www.carabinieri.it

  • Posti a concorso

    I 3.700 posti a concorso sono così ripartiti:

    2.529 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato ai volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) e ai volontari in ferma prefissata quadriennale (VFP4), in servizio;

    1.139 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato a coloro che non abbiano superato il ventiseiesimo anno di età; il limite massimo d'età è elevato a ventotto anni per coloro che abbiano già prestato servizio militare;

    32 allievi carabinieri in ferma quadriennale, riservato ai concorrenti in possesso dell'attestato di bilinguismo di cui all'articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752 e successive modificazioni.

  • Svolgimento del concorso

    Lo svolgimento del concorso prevede:

    - Prova scritta di selezione;
    - Prove di efficienza fisica;
    - Accertamenti psico-fisici, per il riconoscimento dell'idoneità psicofisica;
    - Accertamenti attitudinali;
    - Accertamenti della conoscenza della lingua straniera nella prova facoltativa;
    - Valutazione dei titoli.

    L'Amministrazione si riserva la possibilità, qualora il numero delle domande venisse ritenuto incompatibile con le esigenze di selezione e con i termini di conclusione della relativa procedura concorsuale, di considerare la Prova scritta di selezione, quale prova preliminare.

    • Prova scritta di selezione
    • I concorrenti saranno sottoposti, con riserva di accertamento del possesso dei requisiti prescritti per la partecipazione al concorso, ad una prova scritta di selezione.

      La prova, della durata di 60 minuti, consisterà nella somministrazione di un questionario composto di un numero non superiore a cento di quesiti a risposta multipla predeterminata vertenti su argomenti di cultura generale (italiano, attualità, storia, geografia, matematica, geometria, costituzione e cittadinanza italiana e scienze), di storia e struttura ordinativa dell’Arma, comprensione di un testo scritto e logica deduttiva (ragionamento numerico e capacità verbale), informatica (conoscenze delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse), nonché di una lingua straniera a scelta tra il francese, l’inglese, lo spagnolo e il tedesco. 

      Per i concorrenti in possesso dell’attestato di bilinguismo (lingua italiana e tedesca) riferito a livello non inferiore al diploma di istituto di istruzione secondaria di primo grado, di cui all’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n.752 e successive modificazioni, che chiederanno di sostenere la prova in lingua tedesca, questa sarà volta esclusivamente all’accertamento della conoscenza della stessa.

  •  
     
  • Condividi sul tuo social

Volumi per il Concorso

articoli correlati

11/04/2019

Concorso Navigator 2019: in arrivo il bando per 3mila posti

Prove entro luglio, attesi 100 mila candidati alla preselezione

10/04/2019

Concorso MAECI Segretario di Legazione: diario delle prove

Le prove si svolgeranno l’8 maggio a Roma

27/03/2019

Conoscere le norme anticorruzione e trasparenza è indispensabile per i concorsi pubblici

Due profili da non sottovalutare quando ci si prepara per un concorso pubblico

27/03/2019

Concorso DS. Sono 3.795 gli ammessi all'orale

Il MIUR ha pubblicato l'elenco

25/03/2019

Sprint Concorso TFA: come prepararsi al meglio per le prove

Arrivano le prove del 15 e del 16 aprile. Qualche suggerimento utile

14/03/2019

Concorsi Pubblici: illegittimo il voto di laurea minimo per profili professionali particolari

Interessante pronuncia del TAR Lazio sul voto quale requisito del bando di concorso