• 31/08/2017
  • Ammissioni universitarie: e se ci fosse il GAOKAO anche in Italia?

  • Il test per l’ammissione universitaria in Cina: solo uno su 50.000 ce la fa!
  • Ogni anno, nel mese di giugno, i giovani cinesi desiderosi di accedere all’università devono sottoporsi ad un difficilissimo test: il Gaokao.

    Questo esame ha origini antichissime: dal 200 a.C. fino al primo Novecento, con una prova simile venivano selezionati gli alti funzionari dell’amministrazione cinese. Più volte abolito, reintrodotto, sospeso e modificato, in genere prevede quattro prove di tre ore: Cinese, Lingua straniera, Matematica e una materia caratterizzante l’indirizzo scelto.

    Dall’esito di queste prove dipende tutto il futuro dei giovani cinesi ed essi si preparano ad affrontarle con la massima serietà.

    La posta in palio è molto alta: su 10 milioni di aspiranti matricole, solo 1 su 50.000 riuscirà a varcare la soglia della facoltà prescelta, una di quelle più prestigiose. Ecco perché anche le autorità sono molto severe con chi copia o cerca di imbrogliare gli insegnanti…addirittura la sorveglianza è affidata ai droni e chi copia rischia di finire in prigione!

    Ed ecco anche perché tutta la società cinese collabora: durante lo svolgimento della prova vengono sospesi i lavori di manutenzione stradale, ridotto il traffico…la Cina si ferma, per consentire ai suoi giovani di concentrarsi su questa prova decisiva. I genitori trepidanti attendono fuori delle aule, ansiosi di conoscere l’esito dell’esame...

    Comprenderanno bene le nostre aspiranti matricole l’ansia dei compagni cinesi: anche loro devono cimentarsi con batterie di quiz sempre più complicate, nella speranza di conquistare un posto nella Facoltà desiderata.

    Il Corriere della sera ha riportato un esempio di quiz a risposta multipla

    selezionati dalla CNN fra quelli del Gaokao dello scorso anno, con il quale testare la propria preparazione.

    In questo modo, ognuno potrà, forse, rivalutare i famigerati test d’ingresso alle facoltà italiane.

     
  •  
  • Fabiola Melone
     
  • Condividi sul tuo social