• 14/03/2019
  • Condividi sul tuo social
  • Concorso Guardia di Finanza: 830 allievi marescialli ispettori

  • Domande esclusivamente on line entro il 12 aprile 2019
  • Sulla Gazzetta Ufficiale n. 20 del 12-3-2019 è stato pubblicato l’attesissimo bando per l’ammissione di 830 allievi marescialli al 91° corso presso la Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza, per l’anno accademico 2019/2020.
    E' stato già predisposto un portale dedicato al concorso con tutto ciò che è necessario consultare prima di partecipare alle prove.  Sono presenti, oltre al bando, anche tutti gli allegati della domanda, i moduli per i titoli aggiuntivi, per i certificati medici e il link che consente di compilare la domanda in via telematica.

    Entrando nel dettaglio del concorso, occorre ricordare che i posti saranno così distribuiti:

    • 768 allievi marescialli del contingente ordinario;
    • 62 allievi marescialli del contingente di mare (da suddividere, a loro volta, in posti dedicati a nocchiere abilitato al comando, nocchiere, tecnico di macchine e tecnico dei sistemi di comunicazione e scoperta).

    Requisiti: chi può partecipare al concorso da 830 allievi GDF?

    Potranno partecipare gli appartenenti al Corpo della guardia di finanza nel ruolo sovrintendenti e nel ruolo appuntati e finanzieri, gli allievi finanzieri nonché gli ufficiali di complemento o in ferma prefissata, che abbiano completato diciotto mesi di servizio.
    Inoltre, potranno partecipare alle prove anche i cittadini italiani che abbiano compiuto il 17° anno di età e non superato il giorno di compimento del 26° anno di età.
    Il titolo di studio richiesto è il diploma di istruzione secondaria di secondo grado (oppure la possibilità di conseguirlo nell’anno scolastico 2018/2019). La domanda di partecipazione potrà essere compilata esclusivamente mediante la procedura telematica disponibile sul portale dedicato ai concorsi della Guardia di Finanza  entro e non oltre il 12 aprile 2019.

    Concorso GDF: quali le prove

    La procedura che porterà all’ammissione dei vincitori sarà composta da diverse fasi concorsuali:

    • prova preliminare, consistente in questionari a risposta multipla (a partire dal 29 aprile);
    • prova scritta di composizione italiana;
    • prova di efficienza fisica;
    • accertamento dell’idoneità psico-fisica;
    • accertamento dell’idoneità attitudinale;
    • prova orale di cultura generale;
    • prova facoltativa di una lingua estera, consistente in un esame scritto e orale nella lingua prescelta;
    • prova facoltativa di informatica;
    • valutazione dei titoli.

    La prova preliminare del concorso consiste in test logico-matematici e in domande dirette ad accertare le abilità linguistiche, ortogrammaticali e sintattiche della lingua italiana. La sede, l’elenco dei candidati con il calendario e le modalità di svolgimento della prova, nonché eventuali variazioni, saranno resi noti a partire dal 19 aprile 2019.

    La prova scritta, invece, della durata di sei ore, consiste nello svolgimento di una prova di composizione italiana unica per tutti i candidati.

     
  •  
  • Alessio Caiaffa
     
  • Se hai suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivi a blog.simoneconcorsi@simone.it
  • Condividi sul tuo social
  •