• 08/11/2018
  • Non è vietato cucinare in cella per i detenuti sottoposti al carcere duro

  • Lo ha stabilito la Corte Costituzionale con la sentenza 186/2018
  •  La Corte Costituzionale, con sentenza 186/2018 ha dichiarato la parziale incostituzionalità dell’ art.41bis dell’ordinamento penitenziario, rimuovendo per coloro che sono ristretti in detenzione in regime di “carcere duro”, il divieto di cuocere cibi in cella.
    La Corte Costituzionale  ha sostenuto che quello di cuocere cibi è un divieto «privo di ragionevole giustificazione», «incongruo e inutile alla luce degli obbiettivi cui tendono le misure restrittive autorizzate dalla disposizione in questione» e, pertanto, «in contrasto con gli artt. 3 e 27 Cost.».
    Questo non implica, secondo la Corte, che esista per i detenuti comuni o  per quelli assegnati al regime differenziato, un "diritto fondamentale a cuocere i cibi nella propria cella", ma di riconoscere che anche chi si trova ristretto secondo le modalità dell'art. 41-bis ordinamento penitenziario deve conservare la possibilità di accedere a piccoli gesti di normalità quotidiana, tanto più preziosi in quanto costituenti gli ultimi residui in cui può espandersi la sua libertà individuale.

     
  • Corte Costituzionale - Sentenza 186/2018
     
  • Rocco Pezzano
     
  • Se avete suggerimenti, commenti o correzioni da segnalare, scrivete a blog@simoneconcorsi.it
  • Condividi sul tuo social
  •  

Volumi Collegati

Manuale di Diritto Penale (Parte generale)
Manuale di Diritto Penale (Parte generale)

Cod. 3 Pag. 512

Prezzo €29,00

Prezzo Scontato €24,65

Acquista

Info

Manuale di Diritto Penale (Parte speciale)
Manuale di Diritto Penale (Parte speciale)

Cod. 3/1 Pag. 864

Prezzo €44,00

Prezzo Scontato €37,40

Acquista

Info

Compendio di Diritto Penale - Parte generale e speciale
Compendio di Diritto Penale - Parte generale e speciale

Cod. 3/2 Pag. 608

Prezzo €24,00

Prezzo Scontato €20,40

Acquista

Info